Vaccinare i figli sì o no? Anche se ci dicono bugie ho detto sì

Vi racconto che cosa penso e perchè ho deciso di vaccinare mio figlio, nonostante la mia scarsa fiducia in quello che ci raccontano

Vaccinare il proprio figlio sì o no?

Partiamo con una verità inconfutabile: i vaccini obbligatori, insieme agli antibiotici, rappresentano sicuramente uno dei maggiori successi della storia della medicina. Hanno permesso, finora, di salvare milioni di vite umane, e di sradicare malattie gravissime in molte regioni del mondo. E su questo non c’è dubbio. Allora bisogna vaccinare i figli sì o no?

C’è, però, anche un’altra parte della storia che andrebbe affrontata e, quanto meno, valutata.
Parlo di tutti coloro che credono che i vaccini destinati ai neonati, in parte, siano anche causa di conseguenze spesso molto gravi. Si è parlato di autismo ma anche di sindrome di Asperger e non solo. I cosiddetti “No vax” bandiscono in maniera netta i vaccini; vengono dipinti quasi come estremisti o nazisti per la loro intransigenza e violenza (spesso verbale) nell’esporre le loro posizioni.

VACCINI: CHE COSA DICONO LE ISTITUZIONI

Io non sono una esperta di medicina e non mi considero una “No vax” ho provato a leggere e informarmi sull’argomento. Alla fine vi posso solo raccontare cosa penso e cosa ho deciso di fare per mio figlio.
Ho letto alcuni documenti del Ministero della Salute e dell’Aifa che parlano di reazioni avverse ai vaccini.


Tuttavia, per cultura personale e lavoro ho potuto conoscere a fondo il mondo dell’informazione, le dinamiche che intervengono. Conosco anche molto bene il mondo della politica, delle istituzioni e le sue storture.
Fatta questa premessa, ci sono prove inconfutabili che illustrano come dietro notizie delicate c’è spesso un calcolo “politico” o “economico”; un gioco che prevede come raccontare un fenomeno, cosa dire e cosa non dire. Spesso anche se farlo trapelare o tacerlo del tutto ai cittadini.

VACCINARE I FIGLI SI’ O NO? ENORMI INTERESSI IN GIOCO


Dietro i vaccini obbligatori e facoltativi ci sono “Big Pharma” (direbbero in una serie Netflix) e interessi per miliardi di euro. E’ molto probabile che notizie di eventuali effetti collaterali sarebbero, comunque, in qualche modo sottoposte a controllo e tentativi di censura più o meno efficaci.

Ci sono, poi, altre azioni che hanno l’obiettivo di screditare notizie vere; ma spesso è difficilissimo sapere cosa è vero e cosa non lo è, figuriamoci capire se una smentita ufficiale è genuina oppure no.
Per esperienza vi assicuro che questo avviene spessissimo in ogni campo.


Dunque non ci siamo fidati di quello che riferiscono le istituzioni e che scrivono i giornali (che incassano soldi dalla pubblicità anche dei farmaci). Non ci siamo fidati di quello che circola sul web. Il fatto è che io e mio marito continuiamo a nutrire forti perplessità sulla verità circa gli effetti collaterali e le reazioni dei vaccini.
Non crediamo che i vaccini per i neonati siano sicuri al 100%; sospettiamo altresì che quello che ci raccontano sugli effetti collaterali siano informazioni controllate e “smussate”.
C’è anche da dire che la scienza si sta ancora interrogando e molte risposte non sono state ancora trovate. Questo significa che alcuni effetti negativi potrebbero esserci realmente ma non ancora accertati scientificamente.

VACCINARE I FIGLI SI’ O NO? DECIDERE SENZA VERITA’


Il giorno che ho scoperto che in questo Paese (come in moltissimi altri) la verità quasi non esiste è stato un pessimo giorno. Ne puoi avere continua conferma se guardi le cose da vicino ed in profondità.
Il vero dramma è quando io e mio marito ci siamo accorti che, con un bambino appena nato, bisognava comunque prendere una decisione.

E non potevamo sbagliare.

Abbandonate le critiche al sistema, alle storture istituzionali, ci siamo chiesti: è meglio vaccinare nostro figlio e correre il rischio di uno speriamo-remoto-effetto-collaterale? In pratica è come giocare alla lotteria al contrario: se vinci, perdi.

Oppure è meglio non correre questo rischio e non vaccinarlo per niente sottoponendolo, però, alla probabilità abbastanza alta di prendere malattie anche problematiche?
Non è stato facile scegliere. La cosa -vi confesso- ci ha angustiato molto perchè ci siamo sentiti costretti e prigionieri di falsità nel nostro Paese. Costretti a prendere una decisione difficile per cause esterne a noi.

LA LOTTERIA DEI VACCINI


Alla fine -con le spalle al muro- abbiamo deciso di giocare alla lotteria o roulette russa. Abbiamo incrociato le dita e sperato che non fossimo noi quella remota possibilità. Che non fossimo noi quel numeretto che indica la percentuale di casi gravi riconosciuti come effetti collaterali e reazioni avverse da vaccini.
E’ andata bene, anzi benissimo: non abbiamo avuto nemmeno problemi con la febbre che di solito può insorgere nelle ore successive.
Non è stata una esperienza bella ma abbiamo capito che questa era solo la prima di una lunga serie di situazioni simili.

36 Condivisioni
Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
36 Condivisioni
Condividi36
Tweet
Pin