Controindicazioni e reazioni avverse ai vaccini: che cosa dice il ministero della Salute

controindicazioni e reazioni avverse ai vaccini

Cerchiamo di capire quali sono i rischi reali. Un documento integrale che spiega nel dettaglio

Controindicazioni e reazioni avverse ai vaccini: vero o falso?

I vaccini hanno sia controindicazioni che reazioni avverse ma quali siano con certezza è una faccenda un pò più complicata e delicata.
Le controindicazioni alle vaccinazioni -sostiene il Ministero della Salute- sono spesso false e costituiscono un importante ostacolo alle campagne per le vaccinazioni.
Si tratterebbe di conoscenze mediche errate, saldamente radicate nella cultura collettiva e, purtroppo, anche in parte della classe medica.

Le controindicazioni ai vaccini obbligatori, provate e riconosciute a livello medico-scientifico, sono in realtà rarissime, sostiene il Ministero.
Fra queste controindicazioni vi sono, naturalmente, le reazioni a dosi precedenti di vaccino.
E’ importante che, laddove si verifichino eventi inattesi (reazioni avverse) dopo una vaccinazione, il bambino venga portato subito dal pediatra o presso un centro ospedaliero per ottenere diagnosi immediata.


Il ripetersi degli effetti collaterali post-vaccinali, peraltro quasi sempre di lieve entità, è basso.
E’ esperienza comune che la quasi totalità dei bambini, rivaccinati con lo stesso vaccino che ha indotto un effetto collaterale indesiderato, non presentano nessuna reazione.

CONTROINDICAZIONI E REAZIONI AVVERSE AI VACCINI: CHIARIAMO I CONCETTI


Premesso che le vaccinazioni sono controindicate in caso di gravi patologie del sistema nervoso centrale e del sistema immunitario, sono da considerarsi

VERE CONTROINDICAZIONI ai vaccini:

Controindicazione generale alla vaccinazione, valida per ogni tipo di vaccino, è una grave reazione avversa a un vaccino o a un elemento del vaccino.

Sono invece da considerarsi FALSE CONTROINDICAZIONI a tutti i vaccini:

  • la comparsa di una sintomatologia generale, con o senza febbre;
  • irritabilità e/o sonnolenza alle precedenti somministrazioni del vaccino;
  • lieve o moderata reazione cutanea nella zona dell’iniezione (es. arrossamento, dolore, etc.)
  • contemporaneità di altre vaccinazioni: l’organismo è perfettamente in grado di creare risposte immunitarie a più agenti patogeni contemporaneamente.


Per ogni dose di vaccino sono, infatti, state già individuate l’età raccomandata e l’età minima in cui può essere praticata la vaccinazione e l’intervallo ottimale tra le varie dosi.
La condizione di allergia, sintomatica o asintomatica non controindica le vaccinazioni.


False controindicazioni sono le allergie alimentari, in particolar modo al latte e all’uovo, la familiarità per allergia o per reazioni a vaccini, l’allergia a farmaci non inclusi nel vaccino, storie di orticaria, asma e poliallergia.
Anche i bambini con patologia malformativa e quelli con paralisi spastica, vengono spesso erroneamente etichettati come non vaccinabili.

VACCINI: LE REAZIONI AVVERSE


Nel caso in cui vi sia certezza che il vaccino abbia causato un certo evento si parla di reazione avversa. Il cittadino può rivolgersi al medico curante e al vaccinatore se insorgono sintomi sospetti dopo la vaccinazione. Gli eventi avversi a vaccino devono comunque essere valutati da personale esperto, in grado di stabilire con criteri scientifici la correlazione con la vaccinazione.


Per valutare il rischio connesso all’utilizzo dei vaccini si ritiene più opportuno considerare il concetto di sicurezza come “capacità di preservare da un pericolo reale”. Utilizzando questa definizione, il pericolo (malattia) deve essere significativamente più grande del mezzo per proteggere contro il pericolo (vaccino). Detto in un altro modo, i benefici di un vaccino devono chiaramente e definitivamente superare i suoi rischi.

Questa è la posizione ufficiale della medicina mondiale sul tema.

E’ chiaro che posta così non c’è spazio a tutte quelle argomentazioni che vogliono una relazione tra vaccini e autismo per cui ad oggi non c’è una prova scientifica definitiva ma solo alcuni indizi. Dunque non c’è la certezza di un legame reale ma non è stato nemmeno escluso.

Non è detto dunque che in futuro con il progresso della medicina non si possa trovare questo legame.


Qui un documento integrale approfondito redatto all’Aifa sulle reazioni avverse ai vaccini .

15 Condivisioni
Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
15 Condivisioni
Condividi15
Tweet
Pin