Elfo di Babbo Natale: la sorpresa del buongiorno

Elfo di babbo natale

Quest’anno a casa nostra da qualche giorno è comparso un Elfo di Babbo Natale.


E’ un tipino simpatico che appare nei posti più impensati e nelle posizioni più strane.

Come tutti gli elfi è qui da noi per controllare se i bambini mantengono le loro promesse e se meritano davvero i regali che Babbo Natale sta preparando in questi giorni.

Leone sapeva dell’arrivo di “Wi-wi” (ha deciso che si chiamasse così) perchè avevo sentito una notizia al telegiornale che parlava dell’imminente partenza degli elfi per le case dei bimbi.
E così è stato: è arrivato qualche giorno fa ed è comparso appeso al lampadario.


Sorpresa e stupore di Leone quando si è accorto della presenza appena alzato e ancora assonnato.
Wi-wi con sè porta di solito un biglietto con un messaggio dove ci sono alcune indicazioni importanti, qualche prova simpatica da far fare al piccolo e qualche desiderio strambo (“mi piacciono molto le cipolline, me le fai trovare?”).

Le cipolline non le abbiamo ancora trovate, in compenso l’elfo di babbo Natale è comparso e ricomparso più volte per lasciare i suoi messaggi portati direttamente dalla lontana Lapponia.

ELFO DI BABBO NATALE: L’INTRUSO

La cosa è piaciuta talmente a Leone che tutta la storia che c’è dietro (i regali, il controllo, i regali, le promesse…) sono passate in secondo piano, quasi dimenticate.
Ora Leone si sveglia e corre per la casa con la testa per aria alla ricerca del suo elfo solo per il gusto di scoprire dove si è nascosto o arrampicato.

Tutta questo gioco era nato dopo aver visto alcuni post su Instagram, dove spiegavano che questo poteva essere un buon metodo per “mettere in riga” i bimbi e indurli ad essere più “buoni”.

Devo dire che pur partendo con questa intenzione la cosa mi è sfuggita di mano anche perchè non ce n’è bisogno.
MIo figlio è buonissimo e quando ha i suoi momenti non gliene posso fare certo una colpa.
Capita a tutti di avere la luna di traverso.
Dunque niente più condizionamenti soft da elfo di Babbo natale ma solo gioco e divertimento.

Ogni giorno nei messaggi sgrammaticati di Wi-wi (…viene dalla Lapponia e non parlano italiano) c’è qualche parola buffa che fa sorridere Leone e poi la cosa ancora più buffa: all’improvviso scompare.
Basta un attimo di distrazione e l’elfo vola via.
Svanito.
Scomparso.
Volatilizzato.

L’idea ha avuto un buon successo, ha creato qualche diversivo e soprattutto ha avuto il pregio di far saltare Leone dal letto la mattina presto (sempre un’ottima cosa quando si deve andare all’asilo).

Un minimo investimento ed il gioco è fatto.
Su Amazon in verità non ho trovato un vasto assortimento di elfi di Babbo Natale ma il costo è comunque contenuto.

Se la cosa vi piace, fra un lavoretto di Natale ed un altro avete ancora qualche giorno per pianificare il tutto e, magari, inventarvi qualche storia per prolungare il gioco fino al nuovo anno.

0 Condivisioni
Condividi

Lascia un commento

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
0 Condivisioni
Condividi
Tweet
Pin