La tavola sensoriale montessoriana: facciamola insieme

La tavola sensoriale montessoriana la trovo irresistibile (adatte fino ai 2 anni). Non so se voi le conoscete ma servono per avvicinare i bambini alla vita pratica e ad alcune abilità importanti da applicare ogni giorno a casa o a scuola.

Semplici e geniali.

La tavola sensoriale o tattile montessoriana consiste in un pezzo di compensato sul quale vengono applicati differenti materiali con varie consistenze per permettere al bambino di sperimentare e conoscere attraverso la percezione tattile ciò che gli si presenta davanti agli occhi. E possiamo trovarci davvero di tutto trovato in casa che sia ruvido, duro o morbido, liscio, vellutato, gommoso, spugnoso, ispido, pungente, (nei limiti), spigoloso, smussato, rugoso…

Sulla base delle sue osservazioni, Maria Montessori (ideatrice del famoso “metodo Montessori”, esistono anche scuole che lo applicano e decine di libri che lo illustrano) credeva che concedere ai bambini la libertà di scegliere e di agire liberamente, all’interno di un ambiente preparato secondo il suo modello, avrebbe spontaneamente contribuito ad uno sviluppo ottimale. 

LA TAVOLA SENSORIALE MONTESSORIANA: FACCIAMOLA IN CASA

Dopo aver visto sul web tavole sensoriali di tutti i tipi ho deciso che avrei provato questa attività e farla da sola per mio figlio e devo dire che è stato un successo.

E’ un’ottima idea anche per crearsi da soli un gioco gratis… o quasi, soprattutto se decidete di riciclare cose che avete già in casa.

Serve tantissima fantasia e anche un pò di dimestichezza con compensato e avvitatore elettrico.

A me entrambe le cose non mancano (vi ricordate che fantasia quando ho costruito i bracciali dei supereroi?). Se non siete dei piccoli artigiani fatevi aiutare da qualcuno.

Per attaccare i vari oggetti che vostro figlio dovrà scoprire, infatti, serve proprio un avvitatore elettrico. Io ho provato ad usare anche la colla a caldo ma ogni pezzo veniva estirpato con forza da mio figlio. Dunque ve la sconsiglio.

TAVOLA MONTESSORIANA: COSA PRENDERE

Nella mia tavola montessoriana io ho deciso di attaccare tutto quello che per mio figlio potesse essere una esperienza tattile (materiali ruvidi, morbidi, ‘pelosi’) ma anche di movimento.

Potete trovare molte ispirazioni negli oggetti che avete già a casa… alcuni probabilmente li dovrete acquistare.

Partiamo dalla base: vi serve un pannello di compensato. Dimensioni a vostra scelta: le trovate nei negozi di fai da te a pochi euro. Non serve eccessivamente spessa.

Ho poi attaccato alla tavola una spugnetta per i piatti (potete metterne un pezzo nel verso ‘verde’, più ruvido, e un pezzo nel verso ‘giallo’, più morbido), due interruttori della luce (li trovate nei negozi di fai da te), una rotella di quelle che si mettono sotto le sedie da ufficio.

E poi ancora il tubo che serve per coprire i fili del computer, un tappo del ketchup (ma va bene anche quello ‘salva freschezza’ delle salviettine umidificate).

E poi ancora un retino di un vecchio scaccia mosche, delle lettere colorare con il suo nome e dei pennelli.

Per la vostra tavola potete pensare di inserire anche delle catene (non troppo lunghe altrimenti sarebbero pericolose), dei chiavistelli, delle maniglie da cassetto, delle cerniere lampo o uno specchietto. Insomma tutto quanto crediate possa essere interessante e curioso per vostro figlio.

Quando è tutto pronto inizierà il momento delle scoperta per il vostro bambino!

35 Condivisioni
Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
35 Condivisioni
Share35
Tweet
Pin